Investimenti esteri e internazionalizzazione: una strategia per l’Italia
Conferenza

Investimenti esteri e internazionalizzazione: una strategia per l’Italia

In un contesto globale economicamente integrato ed interdipendente come quello attuale, le imprese multinazionali costituiscono ormai una realtà consolidata. Le imprese a capitale estero hanno un ruolo significativo nel quadro economico del Paese che le ospita, contribuendo a generare spillover di conoscenza, stimolando l’introduzione di nuovi processi produttivi e fornendo una maggior connessione ai network globali di produzione. L’Italia può trarre vantaggio dalla presenza di imprese estere, in termini sia di spillover e di posizionamento nelle global value chains, sia di impatto economico e sociale. Tuttavia, la presenza di imprese a capitale estero non è scevra da considerazione di carattere extra-economico, che toccano da vicino gli interessi strategici degli Stati.

Parallelamente, questa prospettiva di discussione sarà integrata inserendo anche il secondo livello di analisi, quello dell’internazionalizzazione del “Sistema Paese”. L’Italia, infatti, così come deve interrogarsi sulla strategia di attrazione degli investimenti e difesa degli asset strategici, deve altresì elaborare una riflessione in merito alle politiche da adottare per sostenere l’internazionalizzazione delle imprese, aumentare gli investimenti italiani all’estero e quindi rafforzare la propria presenza internazionale, ad iniziare dai mercati di sbocco più vicini, quali i Balcani ad esempio, che dovrebbero essere prioritari per Roma.

L'evento si svolgerà il 23 novembre, alle ore 17.00, in presenza.

NB: La conferenza si svolgerà in presenza, adempiendo ai sistemi di sicurezza previsti dalla normativa Covid.
La partecipazione è riservata primariamente a esperti e rappresentanti di imprese e istituzioni che operano nel settore. Saranno ammessi anche altri partecipanti, nei limiti dei posti disponibili.
Saranno ammessi in sala soltanto coloro che avranno ricevuto la conferma di iscrizione via email (in ogni caso, fino al raggiungimento della capienza massima).
Ai gentili ospiti, inoltre, sarà richiesto il Green Pass.

Subscribe to the newsletter